Marketing, cultura e spettacolo con la società Eliconarte di Brindisi

Free Brindisi – anno 1 – nem. 13 – 3 febbraio 2012

Passione, caparbietà, impegno e voglia di fare contraddistinguono Daniele Spedicati e Chiara Mazza, giovani Laureati e Specializzati in Beni Culturali, che, con un pizzico di coraggio, nel 2010 fondano Eliconarte e scelgono il loro territorio per dar vita a progetti e iniziative culturali per promuoverlo e valorizzarlo.

Al loro secondo anniversario, sono numerose le iniziative che hanno portato avanti e li hanno contraddistinti grazie anche al sostegno delle Istituzioni locali. In primis il tour delle “Minicrociere nel porto di Brindisi” che ha permesso di apprezzare e conoscere la città da un nuovo punto di vista.  Dal mare  è stato possibile accedere in alcuni dei monumenti brindisini scarsamente fruibili come la suggestiva Cappella Sacrario del Monumento al Marinaio d’Italia, poco conosciuta a causa delle rare aperture e soprattutto la visita al castello Alfonsino - Aragonese l’attrattiva maggiore. Attirando ogni tipologia di target il tour ha riscontrato nella sua seconda edizione un enorme successo tanto da formulare una lunghissima lista d’attesa (purtroppo inevasa) di circa 900 persone.

Un’altra bella sfida, sempre a contatto con la gente e con l’ausilio di numerosi collaboratori, le visite guidate che svolgono all’interno del Museo Archeologico Provinciale “F. Ribezzo” di Brindisi, capaci di dare un’ identità ai tanti reperti che la struttura custodisce e implementando con il servizio di accoglienza, front office e visite guidate appunto, il numero dei visitatori nelle aperture straordinarie delle due ultime edizioni di “Città Aperte”. A dimostrazione di come una valida strategia diretta al sostegno di iniziative che assicurano un’adeguata promozione del territorio, si può determinare un significativo afflusso di turisti.

A motivare Daniele e Chiara è la voglia di riappropriarsi del passato per dare un senso al presente, di scavare nella storia per riportare alla luce alcuni degli avvenimenti storici che realmente hanno contraddistinto la città. Questo l’imput alla base di un nuovo progetto: seguire le orme di un illustre personaggio storico, Federico II fortemente legato a Brindisi. Nella Cattedrale della città,l’imperatore svevo convolò a nozze con la giovanissima Iolanda di Brienne, un avvenimento storico così importante che non può che essere rievocato e fatto proprio dei cittadini. L’idea dei due ragazzi è dar vita a una rappresentazione delle nozze che potrebbe attrarre miglia glia di persone “perché Brindisi sa offrire molto soprattutto quando, in un tessuto ricco di storia, cultura e tradizioni, si trova il giusto connubio e quando le autorità preposte credono in iniziative ben progettate e di sicuro successo.