Costruita per volontà del frate cappuccino San Lorenzo da Brindisi che donò i suoi terreni a tale scopo, la chiesa si ispira alla cultura seicentesca.

Il prospetto principale si articola su due piani raccordati da volute laterali, mentre l’interno a croce latina, si sviluppa su un’unica navata sulla quale si aprono quattro cappelle per parte, mentre particolare interesse desta la copertura lignea con raffigurazioni attinenti all’ordine monastico.